Non riuscivo a trovare l’abito perfetto per me, il MIO ABITO…

Correva l’anno 2008, avevo fissato un appuntamento presso un atelier della mia zona per provare alcuni abiti da sposa, non avevamo ancora fissato una data per il matrimonio, ma la curiosità era troppa.

Volevo provare anche io quella sensazione che tutte le spose hanno quando provano l’Abito… quello con la A maiuscola…

Quel giorno portai con me mia mamma, ovviamente, la mia migliore amica Lisa e il mio migliore amico Alessio.

Appena entrata in atelier mi fecero accomodare in un piccolo salotto con un enorme specchio , un divanetto e un enorme armadio bianco…

Quando aprirono le ante scorrevoli dell’armadio ebbi un tuffo al cuore…. Eccoli lì, tutti elegantemente appesi uno accanto all’altro , in un susseguirsi di pizzi, ricami e tulle… un’emozione indescrivibile.

La prima cosa che pensai fu “ Sto veramente per provare degli abiti da sposa?”

Ero in quella fase tra l’incantato e il rimbambito…

La commessa dell’atelier mi chiese prontamente se avevo in mente un tipo di vestito, se avevo visto qualcosa sulle riviste da sposa (e ti posso assicurare che di riviste ne avevo sfogliate e parecchie…), ma in realtà non avevo un’idea precisa, sapevo all’incirca come doveva essere , ma ero pronta a provare diverse tipologie di abito…

Iniziò cosi la prova dei vestiti, passai da abiti con gonne che potevo far rabbrividire Cenerentola, a vestiti a sirene che guai a te se respiri…

Ad ogni cambio abito ero sempre più confusa, e neanche il  team mamma/amici che mi ero portata dietro riusciva a darmi dei validi consigli… alcuni piacevano a mia mamma, altri ai miei amici, alcuni vestiti non erano adatti a me e alle mie forme e io cadevo sempre di più nel buio totale….AIUTO!!

Non riuscivo a trovare l’abito perfetto per me, il MIO ABITO…

La commessa continuava a passarmi vestiti su vestiti, ma io ormai mi ero rassegnata…

Vuoi sapere come è finita???

Penso che lo immagini già, ma quel giorno uscii dal negozio a mani vuote….

Ma cosa successe in realtà quel giorno?

Il tutto mi fu più chiaro qualche anno dopo…

Ne la commessa, né mia mamma né i miei amici avevano capito una cosa importate… non ero io che dovevo adattarmi all’abito da sposa ma era l’abito da sposa che doveva adattarsi a me.

Capii anche che non ero la sola a provare quel senso di frustrazione…

“Abito da sposa : a sirena o a principessa?”

“Non ho ancora deciso se prendere un classico abito da sposa…. o qualcosa di diverso, ma ugualmente elegante. voi come vi vestite? avete consigli per abiti alternativi?”

“La gonna mi hanno detto in atelier essere d’organza.. il velo non saprei dirti perché me lo hanno solo mostrato e non ho capito se me lo includevano parzialmente nel prezzo finale come “omaggio”… ero così rimbambita che non capivo più nulla “

“Ciao a tutte sposine! Sono alla ricerca del “bridal set” da mettere la mattina del matrimonio. Il mio problema è che ho un seno molto grande e non posso permettermi niente con le spalline sottili, nè tantomeno cose trasparenti. D’altronde devo mettere un top leggero e in microfibra, perché il mio abito sarà scollato e non posso avere il segno del reggiseno… insomma sono in panico!
Qualcuna ha avuto o ha il mio stesso problema? come avete rimediato?”

Queste sono solo alcune delle molte domande che assillano le future spose che cercano risposte o consigli quando devono comprare l’abito da sposa. Puoi trovare messaggi simili su qualsiasi gruppo o forum di settore.

E sai cosa penso… che hanno proprio ragione ad avere tutti questi dubbi!!!

Quello che ho capito dopo molti anni e dopo i miei studi di consulenza di immagine, è che ognuno di noi ha un sua forma fisica, un suo stile e soprattutto  un modo proprio di esprimersi e di comunicare attraverso l’abbigliamento, sono tutte cose che spesso una commessa la prima volta che ti vede non può sapere.

Quando si sceglie il vestito, lo si sceglie non perché piace alla mamma  (perché lei ti ha sempre immaginato così quando ti saresti sposata)  o perché con quello addosso faresti impazzire di invidia le tue amiche, ma lo si sceglie perché con quello vestito la persona che vedi allo specchio SEI PROPRIO TU!!!

Ralph Loren diceva “Non disegno abiti , disegno sogni”

Il concetto è proprio questo, quando provi un vestito, e soprattutto quando il vestito che devi  scegliere è quello del giorno più importante della tua vita, devi indossare un sogno, devi sentirti un sogno…

Ecco perché ho deciso di di specializzarmi nel Bridal Stylist , per aiutare ogni sposa a trovare il SUO vestito,  per poterla accompagnare nei lunghi mesi di preparazione, per poter essere un’amica e consigliera super partes ma soprattutto perché quel giorno quando sarai invasa dalle emozioni e ti troverai ad indossare il TUO abito tu ti sentirai un SOGNO.