In armadio, organizzazione, vestiti

Organizzare l’armadio: trucchi per un armadio perfetto!

 

Organizzare l’armadio. Se la prima parola che ti viene in mente quando si tratta di organizzare l’armadio è AIUTO sei nel posto giusto. Che si tratti del cambio di stagione o di un’improvvisa voglia di fare pulizia la storia è sempre la stessa. Fino a qualche anno fa anche per me era un problema, il mio armadio traboccava di indumenti accatastati letteralmente uno sopra l’altro, scatole che scoppiavano, oggetti che sparivano e riapparivano magicamente, insomma regnava il CAOS, ma finalmente oggi posso dire di avere un armadio in perfetto ordine, pratico e funzionale. Come ti chiederai? Semplice con alcuni piccoli trucchi che ti svelerò a breve.

Sei pronta? PARTIAMO

 

LA PAROLA D’ORDINE E’ SVUOTARE!

Svuotare, svuotare e svuotare. Il primo vero passo per organizzare l’armadio è iniziando a tirare tutto fuori, ma attenzione anche in questo caso occorre seguire alcune semplici regole. Quando inizi a togliere tutti i capi dal tuo guardaroba e a riporli sul letto o su altri ripiani dividi già i capi tra loro, tutti i pantaloni insieme, tutte le camicie, tutti i vestiti e così via…. inizierai così ad avere una prima suddivisione di ciò che hai.

Stessa cosa vale per i cassetti dove riponi maglie, maglioni, intimo e calzini.

Se fuori è una bella giornata di sole ti consiglio di lasciare i tuoi indumenti all’aperto a prendere un po’ d’aria, soprattutto se sono rimasti rinchiusi e ammassati per un intera stagione nel tuo armadio!

Fatto? Bene, ora parte la fase Cenerentola. E’ molto importante, prima di organizzare l’armadio e riporre gli indumenti, spolverare e pulire a dovere il tuo armadio e i tuoi cassetti. Polvere e germi tendono ad accumularsi soprattutto in quegli armadi molto stipati in cui gira poca aria.

 

 

I CAPI FUORI STAGIONE

Se hai deciso di organizzare l’armadio tra un cambio di stagione e l’altro, dovrai individuare quei capi necessari per la stagione che verrà e quelli della stagione passata.

Quest’ultimi andranno riposti accuratamente in scatole, io per esempio li uso trasparenti in modo da sapere esattamente dove ho sistemato ogni cosa.

Anche in questo caso è sempre meglio suddividere i capi già all’interno dei contenitori : ricordati l’organizzazione in questi casi è tutto!

 

 

LA SELEZIONE DEI VESTITI

I must have. No, non sto parlando di quello che dovresti avere nell’armadio per essere in linea con le tendenze di stagione, ma mi riferisco a quei capi che utilizzi più spesso, questi infatti potrai già riporli nell’armadio mentre per gli altri dovrai farti alcune domande:

  1. Lo hai indossato nell’ultimo anno? Se la risposta è NO è il momento giusto per regalarlo o donarlo alla Caritas.                                                                                                                                                 Spesso, infatti, il tuo armadio è pieno di capi che non butti perché forse un giorno ti potrebbero servire o di capi comprati e mai indossati.
  2. Sono sciupati, usurati o rotti?
  3. E’ un capo che ti valorizza? Capita spesso di comprare vestiti o altri capi di abbigliamento senza pensare effettivamente se è adatto o no alla tua forma fisica. Questo è un passo fondamentale per la scelta di quei capi che dovranno effettivamente far parte del tuo guardaroba, se sei indecisa o dubbiosa potrai avere una consulenza personalizzata  cliccando qui.

 

 

ORGANIZZARE L’ARMADIO

Finalmente ci siamo, quello che ti trovi di fronte sono i capi che indosserai e che potrai riporre nell’armadio.

Puoi decidere di riporli seguendo due strade:

  1. Divisione in base alle occasioni d’uso. Questo metodo l’ho imparato recentemente è un metodo molto pratico e semplice che ti permetterà di avere l’armadio suddiviso in 3 aree: Lavoro, Tempo Libero e Social. Questo ti permetterà di avere tutto sott’occhio e facilitarti nella ricerca degli outfit per le varie occasioni.
  2. Divisone in base alla tipologia di capo. In questo caso il tuo armadio sarà suddiviso in zone, quella con tutti i pantaloni, la zona delle gonne, quella dei vestiti e cosi via..

 

Consiglio: Suddividi i capi anche per colore, io per esempio, per ogni tipologia di capo vado dal più chiaro al più scuro, questo ti semplificherà ulteriormente la vita.

 

 

LE GRUCCE

Lo so già cosa ti stai chiedendo “E ora cosa centrano le grucce!“. In alcuni articoli che ho letto consigliavano di usare quelle grucce in metallo sottile , stile lavanderia, perché occupano poco spazio, vero, ma hai mai notato che quando vai a togliere le maglie o le camicie sulle spalle rimane quel segno bruttissimo?

In commercio trovi tantissimi tipi, colorate, di legno e chi più ne ha più ne metta quello dipenderà molto dal tuo gusto personale. Ricordati però di non appendere maglioni o maglie troppo pesanti perché tenderebbero a deformarsi con il peso.

I capispalla più pensanti necessitano di grucce con le estremità più larghe cosi da sostenere bene il peso.

Un altro consiglio? Se usi le grucce per le gonne, quelle con le pinze per intendersi, per evitare segni dove le mollette stringono usa dei pezzi di stoffa.

 

 

GLI ACCESSORI

Come per gli altri capi del tuo armadio anche gli accessori dovranno essere selezionati e riordinati. Cinture, Cappelli e piccole borse potranno essere ordinate all’interno di scatole da posizionare sulle mensole del guardaroba. Sciarpe e cinture potranno essere o anche loro inseriti all’interno di contenitori o lasciati appesi nell’armadio con le apposite grucce. A te la scelta!!

 

 

ORDINARE I CASSETTI

Anche per i cassetti dovrai scegliere cosa tenere, cosa regalare e cosa buttare.

Reggiseni, slip e calzini ormai usurati BUTTARE!!!

Maglie e maglioncini infeltriti o che hanno quei fastidiosi pelucchi a pallini BUTTARE O DONARE!!

Piega e riponi tutto nei cassetti. Per reggiseni, slip e calzini ti consiglio di usare i divisori per i cassetti, sono molto pratici e fare molto prima a trovare le cose.

Per le t-shirt e maglioni ultimamente va molto di moda piegarle utilizzando il metodo Konmari o Metodo Kondo.

Marie Kondo è una ragazza giapponese che ha scritto un fantastico libro Il magico potere del riordino, io ho iniziato da poco a leggerlo e posso dirti che è illuminante, oltre a spiegarti quali oggetti tenere e quali buttare e perché ( questa fase si chiama decluttering e puoi utilizzarla nella fase di scelta dei capi), ti insegna anche come piegare in maniera pratica maglie, maglioni, pantaloni e via discorrendo per renderti la vita più facile.

Con il suo metodo, infatti, le maglie nei cassetti saranno in perfetto ordine, tutte visibili, così da risparmiare tempo nella scelta e anche qualche soldino. Infatti avendo tutto in ordine e a vista non rischierai di comprare l’ennesima t-shirt nera convinta di non averla.

 

 

REGALARE, DONARE o BUTTARE

Cosa fare di tutti quegli indumenti che sono stati scartati?

Se rotti o visibilmente sciupati non ti resta che buttarli, per gli altri potresti decidere di regalarli magari a qualche tua amica, di donarli a enti di raccolta o scambiarli/ venderli su internet. Quello che non va più bene per te può essere un ottimo oggetto per un’altra persona!!

 

 

Bene, con questo ho finito di spiegarti come organizzare l’armadio e anche se inizialmente può sembrarti una cosa lunga e faticosa ti posso assicurare che alla fine ti chiederai perché non lo hai fatto prima.

La prima vera cosa importante quando si parla di consulenza di immagine è proprio partire dall’organizzazione dell’armadio, quali abiti fanno per te, alla tua fisicità al tuo stile e anche alla tua personalità. Se pensi di avere le idee confuse e vuoi consigli o chiarimenti clicca qui  per ricevere una consulenza personalizzata per il tuo guardaroba.

 

Con questo articolo partecipo al concorso #unblogalmese del mese di gennaio indetto dal blog Trippando per avere consigli su viaggi e molto altro clicca qui.

Share Tweet Pin It +1

You may also like

Previous PostLook per le feste: consigli per essere al top!
Next PostTendenze matrimonio 2019: cosa devi assolutamente sapere!

No Comments

Leave a Reply